Cosa rende veramente autentico un territorio? Le radici e i valori! Quando questi sono forti e saldi, né il tempo né le intemperie, riescono a scalfirli, come la pianta del fico d’India, e gli abitanti di Torretta. Un paese conservatore che affonda le sue radici nella storia e nelle proprie tradizioni, che è stato e continua […]

Leggi →

Il Puparo è l’anima del Pupo, colui che dà voce, movimento e sentimento ad un “oggetto” inespressivo ed inanimato, che vive attraverso il contatto con il pubblico. Al tempo stesso regista, attore, doppiatore, scenografo, costumista e impresario, il puparo è il custode del patrimonio identitario della Sicilia, che racconta le storie di coraggio e di […]

Leggi →

La “Faccia di vecchia” è un incrocio tra pizza e sfincione, il suo nome è dato dalla forma allungata, che ricorda il viso di una donna âgée, dall’aspetto rustico e rugoso, abbellito dai colori della Sicilia. Nel teatro della “Sicilianità”, la Faccia di vecchia, ha un ruolo da protagonista e Torretta, con le sue particolarità […]

Leggi →

L’affidamento del Piccolo Museo Etnografico di Torretta è la realizzazione concreta di un progetto sognato da tempo: “La Cultura è la libertà di valorizzare le proprie tradizioni”, oggi motivo di orgoglio e soddisfazione. Il Museo, così come le altre realtà realizzate negli anni, “La Casa di Evita Art & Design” e l’associazione “Evita Touring”, sono mezzi di […]

Leggi →

“Più felice, più contento, chi coll’opera e col talento, ricco e grande si farà”. Questo frammento de “Il gatto con gli stivali” mi fa pensare al calzolaio, che con talento e ingegno, ha saputo far sopravvivere un’arte, che sa di cuoio e di colla, in una società  che invece di riparare il vecchio di qualità […]

Leggi →

La storia di Rosalia Sinibaldi racchiude in sé un percorso estremamente significativo, emozionale e devozionale, un atto d’amore per Dio e per Palermo, infatti la Santa, rinunciando alle sue nobili origini, consacrò la sua giovinezza e la sua vita alla preghiera e al ritiro spirituale. I palermitani, la elessero loro patrona nel XVII secolo, quando […]

Leggi →

“I babbaluci” (le lumache) sono delle “ghiottonerie con le antenne” che si mangiano in modi bizzarri, o con l’uso di stuzzicadenti o praticando un foro sul guscio per agevolare l’uscita del mollusco. Il  vero palermitano, invece, ha un rituale tutto suo, ovvero succhiarle direttamente dal guscio “cu scrusciu”, rumore molto simile al bacio, che in […]

Leggi →

“U muluni” (l’anguria), frutto dissetante della calda stagione, colora le bancarelle del Festino di Santa Rosalia, insieme al “gelo di melone”, dessert palermitano composto da una gelatina di cocomero, speziata e profumata, arricchita con gocce di cioccolato, granella di pistacchi o fiori di gelsomino, invece nel resto dell’isola si consuma a Ferragosto. In Sicilia tradizione […]

Leggi →
sicilia-santa-rosalia-palermo

Cultura e natura, bellezza e spiritualità, identità e folklore si fondono e si confondono nel profondo legame tra la “Santuzza” e Palermo, che ogni anno le dedica ben due celebrazioni: “u fistinu” (il festino, che si svolge dal 10 al 15 Luglio)  e “acchianata a Munti Piddirinu” ( il pellegrinaggio su Monte Pellegrino del 4 […]

Leggi →

Scultura naturale del paesaggio siciliano, il fico d’india è uno dei simboli della nostra isola ed è, non a caso, connesso intrinsecamente con il carattere e la tempra dei siciliani. A partire dalla scorza, sia il fico d’india che il siciliano sono apparentemente pungenti ma dolcissimi e genuini dentro, entrambi hanno per vocazione l’adattabilità e […]

Leggi →