L’1 e il 2 Novembre: due ricorrenze festeggiate in tutto il mondo, con usi simili e significati diversi, che si oppongono e si sovrappongono, ma che in Sicilia mantengono ancora un profondo valore simbolico e spirituale, rafforzato annualmente dal legame tra passato e futuro, attraverso il dono. Nella notte precedente al 1° novembre, si dice […]

Leggi →

Il melograno, le mele cotogne e le sorbe sono i così detti “frutti dimenticati”, anche se sono i frutti più antichi, coltivati dall’uomo. Il più allegorico è il melograno che, oltre a contenere i colori e i profumi dell’autunno, rappresenta l’abbondanza, la fertilità, la carità, la rinascita e la ricchezza interiore. Tutti valori simbolici che […]

Leggi →

Cultura e natura, bellezza e spiritualità, identità e folklore si fondono e si confondono nel profondo legame tra la “Santuzza” e Palermo, che ogni anno le dedica ben due celebrazioni: “u fistinu” (il festino, che si svolge dal 10 al 15 Luglio)  e “acchianata a Munti Piddirinu” ( il pellegrinaggio su Monte Pellegrino del 4 […]

Leggi →

Oggi 16 Febbraio vorrei condividere con voi l’anniversario della mia nascita. Per me festeggiare il compleanno è importante, come anche sentirsi cantare “Tanti auguri a te” ed esprimere un desiderio  spegnendo quelle candeline che ogni anno aumentano, ma sopratutto è bello aggiungere vita agli anni e non anni alla vita. È pur vero che c’è chi festeggia e […]

Leggi →

Il 14 febbraio, come la maggior parte delle festività, è di origine pagana, perché coincideva con un rito, che celebrava la fertilità in modo quasi animalesco e che la Chiesa volle “cristianizzare” perché in contrasto con la morale e l’idea di amore cristiano. Allora Papa Gelasio I sostituì questa festa con il “giorno degli innamorati”, […]

Leggi →

L’uso della maschera trae le sue origini dalla cultura greca, veniva utilizzata nel teatro per interpretare un personaggio e per amplificare la voce degli attori. Dal teatro buffonesco che riproduceva vizi e virtù degli uomini il passaggio al Carnevale fu breve, perché la maschera servì a dare sfogo all’estro e alla voglia di divertirsi, prima […]

Leggi →

Oltre alle chiacchiere, un altro dolce che si preparava a Carnevale è il cannolo, una cialda di forma cilindrica farcita di ricotta di pecora, cioccolato e scorza di arancia candita, che oggi mangiamo in ogni occasione … L’origine del cannolo risale al periodo arabo, quando le donne degli harem per ingraziarsi la benevolenza degli emiri, […]

Leggi →

Facevo una riflessione sulla mentalità del paesano di oggi e l’ho collegata al racconto “La Giara” di Pirandello, che ha come protagonisti un ricco proprietario terriero Don Lollò Zifara e il sempliciotto conciabrocche, Zi Dima. In questi due personaggi mi sembra di riconoscere in parte la cultura paesana, infatti da un lato c’è Don Lollò […]

Leggi →

                   Quando ero bambina il ricco menù della mia famiglia prevedeva due scelte: “o ti manci sta minestra o ti iecchi ra finestra” (o mangi questo o niente). Si andava avanti con quello che c’era, si risparmiava sia per comprare la casa che per fare la dote […]

Leggi →

Il telaio è uno dei primi strumenti di lavoro della donna usato per esprimere la propria creatività con la testa, con le mani e con il cuore e che oggi è semplicemente un oggetto d’antiquariato. Era consuetudine per le donne siciliane riunirsi nei cortili o davanti la porta di casa per condividere tecniche di ricamo […]

Leggi →