Siamo isole che viaggiano senza osservare l’orizzonte. Immersi in uno specchio che riflette ciò che è alle spalle, camminiamo come treni fuori dai binari che cercano in ogni modo di arrivare in orario. Così, assorta in questo pensiero, mi destai all’abbaio dei miei cuccioli, incuriositi dalla mia assenza momentanea. Stupita anch’io, lasciai cadere lo sguardo […]

Leggi →

“Armi santi, armi santi Io sugnu unu e vuatri siti tanti Mentri sugnu ‘ntra stu munnu di guai  Cosi di morti mittitiminni assai” Così si recitava la notte prima della santa festa, poco prima di andare a letto, evocando con la potenza delle parole la fantasia dei più piccoli che venivano coinvolti in una festa che […]

Leggi →

Un forte legame generazionale con il passato, avviene con la raccolta delle olive, quando all’ombra dei nodosi ulivi secolari, ai più piccoli toccava l’ingrata mansione di raccogliere le olive dal terreno, ai più esperti il compito di “cutuliari l’aliva” (scuotere i rami per far cadere le olive). Le giornate della raccolta si passavano all’aperto tra canti […]

Leggi →

  Oggi vorrei parlare di un fenomeno sociale dalle origini antichissime ovvero la gita fuori porta, nato dall’esigenza della borghesia di uscire letteralmente dalle porte della città e liberarsi dalla monotonia, per ricercare il contatto con la natura e le proprie radici antropologiche. Il richiamo della primavera, che spesso coincideva con il lunedì dell’Angelo (o […]

Leggi →

  I maccarruna (maccheroni) sono una pasta fresca tipica del territorio carinese che le donne riservano ai propri cari come gesto d’amore la domenica o per le festività; sono anche quel collante familiare che mette tutti d’accordo e che fa letteralmente riassaporare il passato. Fare  i maccarruna è un vero e proprio rituale che richiede […]

Leggi →